ANDAMENTO CLIMATICO

 

2017

La vendemmia 2017 ricorda i Beatles: ha una sensazione di velluto, tattile, carnosa, tiepida, innovativa e avvolgente.

 

L’annata 2017 è partita con una sequenza di “stranezze” meteorologiche: un inverno insolitamente siccitoso e con temperature mediamente superiori alla media, interrotte da sole due settimane di febbraio molto fredde e con poca neve, isolatamente in Appennino.

La stagione vegetativa della vite (ed in genere di tutta la natura) è partita con dieci giorni di anticipo, seguita da un periodo di veloce sviluppo vegetativo indotto da temperature ben superiori alla media e dall’assenza di pioggia che hanno accentuato l’anticipo iniziale sino a 18 giorni rispetto alla media storica.

Purtroppo il plenilunio pasquale e le due settimane successive hanno portato drastici cali di temperatura e brinate endemiche in tutto il nord e centro Italia, falcidiando germogli e ridimensionando il potenziale produttivo di molti areali.

Modestissime ed a macchia di leopardo le piogge primaverili isolate al solo mese di aprile e purtroppo spesso

associate ad eventi di carattere temporalesco e grandinigeno.

Completamente assenti le piogge nei mesi successivi di maggio, giugno e luglio.

L’anomala siccità primaverile è stata aggravata dai repentini incrementi di temperatura che già nella seconda metà di giugno hanno frequentemente superato i 33°C.

L’estate è iniziata all’insegna degli anticicloni africani, solo nel 2003 così numerosi, lunghi e prolungati.

Gli anticicloni africani sono purtroppo ormai la regola delle estati del Mediterraneo, pressochè sconosciuti in Italia sino a metà degli anni ’90, allontanando i miti anticicloni delle Azzorre che sempre più spesso fanno breccia solo in autunno.

In alcune aree del centro Italia la pioggia già all’invaiatura della vite mancava da più di 140 giorni facendo registrare notevoli abbassamenti delle falde acquifere (così basse solo nel biennio 2003-2004) e una precocissima riduzione della portata dei corsi d’acqua.

E’ ormai noto come negli ultimi quindici anni si siano concentrate le cinque annate più calde degli ultimi 130 anni (2003, 2007, 2012, 2015 e 2017); la 2017 dopo la 2003 è stata quella più calda (con ben 14 giorni di massime sopra i 40°C in tutta l’Italia Centrale).

La vite è arrivata all’invaiatura in buone condizioni fitosanitarie per una modestissima pressione di peronospora,

botrite e tignoletta ed in soli alcuni casi con una discreta apprensione per l’oidio.

In tutti i comprensori viticoli, quale conseguenza della siccità e delle alte temperature, i grappoli hanno avuto un

accrescimento contenuto, rimanendo spargoli e con gli acini dalla buccia robusta.

La raccolta, partita molto presto per uve più precoci quali merlot, chardonnay e sirah, è stata più eterogenea per il sangiovese. Le prime raccolte sono partite già ad agosto (negli areali più precoci e freschi dove la luce ed il calore hanno velocizzato i processi di maturazione) per protrarsi sino a fine settembre laddove la (rara) fogliosità ha protetto i grappoli o più frequentemente dove si è potuto attendere una maturazione fenolica spesso sospesa dagli eccessi di calore e carenze idriche.

Impressionanti alcune valutazioni statistiche: in quasi tutti i campi i tassi di grappoli appassiti e scartati sono variati tra il 5 ed il 20%, i cali di produzione nei territori collinari hanno spesso superato il 40%, anticipi di raccolta mediamente di 20 giorni e rese in cantina delle uve rosse spesso inferiori al 58%.

 

Malgrado tutte queste preoccupanti premesse i vini ad oggi sembrano figli di una annata calda ma non estrema, con fragranze più che accettabili e tannini migliori del 2007 e del 2003, forse più simili a 2009 e 2015.

E’ stata una annata complessa da gestire in cui ha giocato a favore l’esperienza e una certa facilità di prevedere già a gennaio le carenze idriche; è stato importante difendere la vite con la buona agricoltura fatta di una accurata gestione del suolo e parsimonioso rispetto degli apparati fogliari.

Interessante chiedersi se su questo risultato, tutto sommato più che buono viste le premesse, abbia contribuito

maggiormente l’esperienza accumulata nelle precedenti annate calde in vigna e cantina o una pianta che avendo

convissuto per tutta l’annata con caldo, secco e precocità si è saputa autoregolare con un carico di uva modesto ma in gran parte equilibrato alle poche foglie ed alle energie disponibili.

 

2016

L’annata 2016 è partita all’insegna della continuità con l’autunno 2015: temperature miti, pochissime piogge e abbondante ventilazione. L’inverno poco piovoso ha favorito le pratiche agronomiche invernali, ma ha prodotto apprensione per le modestissime scorte idriche accumulate.

Il mese di marzo ha rovesciato la tendenza dell’inverno, iniziando un periodo di abbondanti ed ininterrotte piogge, associate a freddo. Queste condizioni si sono protratte intensamente fino a maggio-giugno, ripristinando un buon livello delle falde freatiche. La seconda decade di luglio ha avviato un periodo di caldo intenso, mancanza di piogge,  alta umidità dell’aria e modeste escursioni termiche protrattosi sino ad agosto.

La vite è arrivata all’invaiatura complessivamente con qualche giorno di ritardo, ma durante il mese di agosto ha virato verso la fase riproduttiva, rallentando lo sviluppo dei germogli e completando le invaiature.

Le condizioni ambientali di agosto si sono rivelate molto favorevoli, con temperature massime nella media di periodo, buone escursioni termiche, modesta umidità e piogge ben cadenziate.

La vendemmia è avvenuta con regolarità, con qualche piccolo ritardo rispetto alla media decennale ma accompagnata da buone escursioni termiche e sanità di pianta.

Abbondanti le produzioni e tendenzialmente ragguardevoli anche le rese in vino.

I vini sono generosi nel frutto, con buoni tannini e una fragranza stabile: buone premesse per una bella evoluzione nel tempo.

 

2015

Il 2015 è partito all’insegna delle abbondanti precipitazioni, che in realtà sono iniziate sin dall’estate del 2013.

La stagione vegetativa delle vigne è iniziata all’insegna di una certa precocità e del lussureggiamento vegetativo: tante foglie, molti grappoli, qualche apprensione per la peronospora, ma soprattutto l’ansia di rivivere un’annata fredda ed umida come la 2014. La fioritura è avvenuta puntuale.

Le piogge che hanno caratterizzato il 2015 fino agli ultimi giorni di giugno hanno repentinamente lasciato il posto al grande caldo, quale conseguenza dell’anticiclone africano più lungo che abbia mai interessato l’Italia. 40 giorni senza piogge, ma soprattutto con temperature spesso abbondantemente sopra i 34° e modeste escursioni termiche.

La vite si è presentata in buono stato all’invaiatura: con una produzione ben distribuita, non eccessiva e ben bilanciata dalle foglie, bassa pressione di oidio, peronospora e tignoletta.

La vendemmia è iniziata all’insegna del caldo e della siccità, generando una situazione apparentemente facile: con belle uve, sane e in rapido accumulo di zucchero, ma anche segnata da insidie quali: l’innalzamento del ph, la perdita di foglie e il progressivo rallentamento evolutivo dei sapori e del tannino.

Una bella annata: estroversa, generosa nel frutto e nel colore ma non sempre altrettanto profonda, fresca e probabilmente longeva.

 

2014

Si parla di eventi eccezionali e di anomalie, il 2014 sarà ricordato per le sue bizzarrie e frequenti eccessi.

L’inverno 2013-2014 ha portato poca neve e moltissime piogge, arricchendo una falda già resa florida dalla precedente stagione. Questi eventi meteorici, associati in modo anomalo a temperature invernali miti, hanno portato ad un germogliamento molto anticipato. Questo evento rappresenta la prima grande anomalia poiché mai in passato si era assistito ad una stagione che parte precocemente dopo un inverno così umido, essendo in genere l’anticipo di germogliamento associato ad inverni asciutti. Tutto ciò ha portato a qualche difficoltà ad ultimare in tempo le operazioni di potatura e soprattutto ad una forte pressione dei patogeni (che poco hanno faticato a superare l’inverno) e contemporaneamente un forte rigoglio vegetativo, mal sostenuto da radici rallentante nella loro attività dagli eccessi di acqua nel suolo (con terreni freddi ed a volte asfittici) con conseguenti ingiallimenti fogliari.

Il decorso primaverile ed estivo soprattutto dalla fioritura in poi ha visto ridursi l’anticipo vegetativo iniziale, causa le frequenti piogge ed i modesti picchi termici.

Come poche volte così intensamente accaduto in passato, la vigna ha avuto bisogno di molte cure per contrastare i parassiti fungini (peronospora, oidio e botrite, rivelatisi tutti molto virulenti) e gestire al meglio la chioma.

L’invaiatura è avvenuta con un leggero anticipo di 3-5 giorni rispetto alla media storica, di fatto annullando quasi completamento l’anticipo di inizio stagione.

La maturazione delle uve è avvenuta in condizioni abbastanza critiche caratterizzate da basse temperature (specialmente le massime), poca insolazione (con sole velato dalla tanta umidità) e dalle abbondantissime piogge (con il mese di luglio più piovoso degli ultimi 66 anni ed i disastrosi nubifragi del 21 settembre su ambo i lati dell’Appennino tosco-romagnolo e intensità di pioggia con precedenti simili solo nel 1962).

Di fatto, le vigne sono arrivate alla raccolta con evidenti difficoltà ad accumulare zucchero e colore; perdendo l’anticipo di inizio stagione e passando dall’anticipo ad alcuni giorni di ritardo con raccolte guidate non tanto dalla maturazione delle uve quanto dalla necessità di tutelare lo stato sanitario, lo spessore delle bucce e il calo (spesso anomalo) delle acidità.

Tra le buone notizie da registrare una aromaticità delle uve rosse tutto sommato più compiuta di quella del 2013 (più vegetale) ed un quadro che poteva essere più catastrofico se la stagione non fosse partita in anticipo e con un carico di uva comunque inferiore all’annata 2013.

In cantina si è dovuta assecondare l’annata sforzandosi di separare le rare partite di uve migliori e lavorando con tantissime cautele le delicatissime bucce e mosti molto fragili e sensibili all’ossigeno.

 

 

2013

La nostra prima annata. Un anno diverso da molti altri, sicuramente di carattere.

Inverno nella normalità di pioggia e neve a costituire una buona riserva profonda, poi, e qui veramente particolare, piogge continue e insistenti fino a quasi tutto Maggio; falde stracolme fino a provocare carenza di ossigeno nei terreni ed al limite dell’asfissia radicale.

Il periodo tardo primaverile ed estivo verrà ricordato come tendenzialmente freddo ed umido con poche settimane di sole ed il relativo effetto sulle malattie fungine manifestatesi spesso con virulenza, dapprima peronospora, poi oidio ed in stagione avanzata botrite. Sul piano vegetativo ritardi di germogliamento e fioritura, poi una lunga stagione di accrescimento per arrivare lentamente all’invaiatura.

Alla piccola tregua di precipitazioni di metà estate è seguito un andamento piovoso altalenante fino alla vendemmia arrivata con medio ritardo e spesso abbondanza di produzione.

Belle le potenzialità aromatiche, le mineralità e le acidità dei vini; onnipresenti le difficoltà estrattive e nella ricerca di potenza con prodotti a tutt’oggi molto verticali e spesso al limite della crudezza. Certamente una annata longeva.

E’ stata una “Vita” molto intensa e dura, nel tentativo di trovare gli equilibri vegeto-produttivi in vigna e di umana condivisione delle difficili scelte di questa annata.

Annata di grandi conferme sull’importanza della gerarchia natura-uomo, della maniacale ricerca dell’equilibrio, della sensibilità a valutare le bucce ed i grappoli; questi aspetti di conoscenza, legati spesso all’istinto, rendono possibili le emozioni anche in questa annata, dal sapore un po’ antico e in stile “pre riscaldamento globale”.

 

 

 

Fonte

Il nostro agronomo e winemaker Francesco Bordini – www.francescobordini.it